July 2016

Spiegare quali sono i motivi che mi hanno fatto scegliere la tromba non è possibile da farsi in poche parole. Diverse sono le risposte che potrei dare per darmi un tono e bearmi della luce di “persona speciale”. C’è da dire tuttavia che da quando ho cominciato sono molto cambiata. Ma come per ogni cosa bella il processo è stato lungo e lento e, anche adesso, ogni singolo stadio convive felice nel guazzabuglio della mia condizione attuale.

La prima cosa che mi ha attirato verso questo strumento è stata l’ammirazione. Ho iniziato ad ascoltare ed a recarmi a concerti di musica jazz intorno ai 25 anni. Ai miei occhi di neofita la tromba appariva come uno strumento leggiadro e ricco di sfumature, mi faceva pensare ad una libertà ammansita ed elegante come un vento estivo. Ammiravo la morbidezza di Miles Davis, l’allegria di Dizzy Gillespie e la magistralità di Arturo Sandoval.

In un secondo momento è sorto un altro sentimento, l’ambizione. Sono sempre stata una persona molto competitiva. La tromba è uno strumento scelto da pochi, in maggioranza uomini, si dice a causa della maggiore capacità polmonare. Quanta meraviglia e quanta attenzione avrei potuto attirare dicendo di saper suonare la tromba? Il mio ego si è nutrito molte volte degli sguardi degli altri e, assieme ai miei sogni di bravura, mi hanno fatto affondare in un gorgogliante e meraviglioso sogno di superiorità.

Tutto questo non è durato. Continue reading La tromba perché?

Read more